22018dic
Feederismo: un insolito “piacere di mangiare”

Feederismo: un insolito “piacere di mangiare”

Il Feederismo è una parafilia che può essere considerata come una subcultura del feticismo del grasso che assume spesso una componente sessuale ed ha sicuramente dei richiami al mondo BDSM.
Nel feederismo, si parla di “feeder” quando la persona prova eccitazione nel accudire i propri partner e nell’incoraggiarli a prendere peso e di feedeeovvero coloro che sono eccitati dal proprio aumento di peso, dal cibo, dall’essere nutriti o dall’essere forzati a mangiare.

Esiste una vasta community online chiamata FeedersFantasy.com che ha lo scopo di mettere in contatto tra di loro persone che si sentono affini a questa forma di parafilia, il feederismo appunto. Possono essere trovati consigli ed incoraggiamenti su come aumentare il proprio peso. Il coinvolgimento nella community va lungo un continuum da membri che vivono le proprie fantasie esclusivamente online, leggendo storie e vedendo foto degli altri utenti fino all’altro estremo in cui persone si impegnano attivamente a prendere peso con l’obiettivo di raggiungere l’immobilità.

Le caratteristiche dei feedee si ritrovano:

  • Grandi amante del cibo

L’amore per il cibo spesso li ha portati a sentirsi in qualche modo differenti dagli altri. I momenti più felici riguardano il mangiare. Potrebbero avere una relazione segreta con il cibo, portandolo in camera e mangiando di nascosto fino a sentirsi pieni.

  • Voler diventare più grasso

Non importa se la persona è in leggero sovrappeso oppure già obesa, continua a voler ingrassare ancora. Conoscono i rischi per la salute associati all’essere sovrappeso ma li considerano un piccolo prezzo da pagare comparato al piacere che ricavano dal diventare grassi.

Potrebbero voler essere notati per il loro grasso, ad esempio che vengano offerte loro sistemazioni speciali per il loro peso oppure facendo commenti negativi sul loro corpo. Regolarmente si osservano allo specchio ammirando i progressi nel diventare più grassi.

  • Voler essere accudito e curato

Sono consapevoli del fatto che aumentando di peso diminuirebbero le cose che possono portare a termine diventando sempre più dipendenti dagli altri. Vorrebbero avere accanto una persona che desidera condividere con loro questa esperienza incoraggiandoli e affrontando insieme le conseguenze dell’aumento di peso: aiutandoli, ad esempio, a lavarsi e vestirsi quando non avranno più possibilità di farlo da soli.

I più comuni tipi di feeder, invece, sono:

  • Carers

I carers hanno piacere a cucinare, tagliare il cibo ed imboccare la persona ma questo atteggiamento di cura può ampliarsi a tutti gli altri aspetti della vita del partner. Spesso questo comportamento aumenta all’aumentare del peso e, di conseguenza, alla diminuzione dell’indipendenza del feedee, così che entrambi giovino dell’intimità e vicinanza che deriva dalla loro relazione.

  • Dominators

Un feeder dominatore ha una relazione molto controllante con il feedee che si deve sottomettere totalmente: sa che verrà obbligato ad ingrassare e dovrà continuare a mangiare, anche se ha la sensazione di esplodere, per compiacere il partner. Il feedee può essere legato o essere forzato ad alimentarsi con strumenti specifici come imbuti e tubi. Spesso hanno la fantasia di far ingrassare fino a che il partner non potrà muoversi e sarà completamente dipendente da lui.

  • Encouragers

Per gli incoraggiatori è lo stesso processo di far ingrassare che è più rilevante. Vogliono conoscere tutte le misure del partner che vengono registrate per osservare ogni progresso dell’aumento di peso, vengono calcolate le calorie e la dieta ingrassante viene pianificata meticolosamente.


Fonti: https://fantasyfeeder.com/home, https://link.springer.com/article/10.1007/s10508-009-9580-9
A cura dello staff del Centro Integrato di Sessuologia IL PONTE (trad. Dott.ssa Cindy Degl’Innocenti o Cresciuti)

Per ricevere grauitamente accesso all’ebook “Il Vero e il Falso su miti e credenze della sessualità: L’erezione” , iscrivetevi alla Newsletter qui sotto .

Privacy:
Il consenso è liberamente espresso ai sensi dell’art 23 del DL 196/03 e dell’Art. 7 del Reg UE 679/16

Per inviare la vostra domanda ai professionisti del Centro Il Ponte che curano la rubrica Botta&Risposta scrivere a info@centroilponte.com oppure richiedere un “consulto anonimo“, specificando che si tratta di una domanda per la rubrica.




Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata. Compilare i seguenti campi obbligatori: *