152018mag
Infertilità: quali sono le conseguenze nella coppia?

Infertilità: quali sono le conseguenze nella coppia?

L’infertilità è definita come l’incapacità di concepire dopo un periodo di 12 mesi di rapporti sessuali regolari e non protetti. Si parla di infertilità primaria nel caso in cui la coppia non abbia mai concepito, secondaria nel caso in cui sia una condizione acquisita dopo aver già concepito in passato. L’infertilità può avere causa maschile (es. azoospermia), femminile (es. endometriosi) o mista (quindi dovuta ad entrambi i partner). Sembra che la prevalenza di disturbi ansiosi e dell’umore sia più alta negli uomini e nelle donne infertili rispetto alla popolazione generale. L’infertilità è inoltre associata a sentimenti di vergogna e ad una ridotta autostima. Tuttavia, quando la causa è sconosciuta, i danni a livello psicologico sono più moderati. I problemi emotivi peggiorano invece in modo direttamente proporzionale alla durata dell’infertilità e in particolare modo con l’avanzare dell’età della donna e dei suoi anni senza figli. Alcuni studi hanno però messo in evidenza effetti contrastanti sull’impatto che l’infertilità può avere a livello psicologico, relazionale e sessuale nella coppia.

Infertilità che unisce

Vi sono indagini che dimostrano come l’uomo e la donna infertili non sembrano differire dalla popolazione generale per quanto riguarda la qualità della loro relazione coniugale. Anche le difficoltà sessuali, considerati i possibili effetti negativi a seguito della diagnosi e del trattamento dell’infertilità, potrebbero comunque essere riconducibili in quota maggioritaria alla durata della relazione. In una relazione di lunga durata può “fisiologicamente” ridursi il desiderio sessuale e la frequenza coitale portarndo ad un’insoddisfazione sessuale per cause diverse dall’infertilità stessa. Secondo alcuni studi quindi apparentemente l’infertilità non avrebbe effetti diretti sulla qualità della vita di coppia. L’autostima personale sarebbe “l’area colpita” a livello individuale mentre i livelli di soddisfazione relazionale e sessuale non differirebbero da quelli del campione di controllo non infertile. Questa condizione potrebbe essere spiegata ipotizzando che la condivisione dell’esperienza possa rendere i partner più solidali l’uno nei confronti dell’altro. Il bisogno di genitorialità inespresso ma condiviso permetterebbe infatti di percepire un eguale livello di stress personale, comportando un miglior adattamento a livello di coppia.

Infertilità che divide

D’altra parte vi sono risultati che sostengono l’ipotesi per cui la diagnosi d’infertilità è un’esperienza devastante dal punto di vista psico-emozionale della coppia, soprattutto per le donne. L’infertilità sarebbe un trauma nel quale sia l’uomo sia la donna sono implicati a differenti livelli esistenziali, mettendo in evidenza vissuti emotivi come la frustrazione, lo stress, il sentimento d’inadeguatezza e la perdita. L’uomo si sentirebbe colpito nella sua virilità, svalutato a livello di autostima cercherebbe di rispondere a questa “ansia da de-mascolinizzazione” riaffermando la propria identità con comportamenti estremizzati (anche a livello sessuale con rapporti extra-coniugali); la donna si sentirebbe colpita nella propria identità, soprattutto per ciò che riguarda il ruolo materno e la propria immagine corporea, tanto da sentirsi meno attraente e meno desiderosa sessualmente.

Le ripercussioni sessuali sembrano riguardare entrambi i membri della coppia con una conseguente perdita della spontaneità. Sembra che la diagnosi ed il trattamento dell’infertilità aumentino il rischio di insoddisfazione sessuale, instabilità relazionale e/o insoddisfazione di coppia. Pericolo sostenuto da bassa autostima, depressione e appunto disfunzioni sessuali. Si riscontrano anorgasmia, disfunzioni dell’eccitamento, dolore coitale, perdita di piacere durante il rapporto sessuale, disfunzioni erettili, desiderio sessuale ipoattivo, eiaculazione precoce, vaginismo, incapacità di raggiungere l’orgasmo. Il rapporto sessuale diventa esclusivamente il coito e l’atto sessuale, a partire dal momento della diagnosi, diventa pertanto come una “prova da superare” con le nefaste conseguenze che i sessuologi conoscono.

Ricordiamo che presso il Centro Il Ponte è disponibile il servizio “Check Up Fertilità

Bibliografia:

Lara, L. (2015). Effect of Infertility on the Sexual Function of Couples: State of the Art. Recent Patents on Endocrine, Metabolic & Immune Drug Discovery, 9, 46-53.

Quattrini, F. (2009). Èvaluation psychologique et sexologique du couple infertile. Sexologies, 19, 48-52.

A cura dello staff del Centro Integrato di Sessuologia IL PONTE (trad. Stefania Lombardi)

Per inviare la vostra domanda ai professionisti del Centro Il Ponte che curano la rubrica Botta&Risposta scrivere a info@centroilponte.com oppure richiedere un “consulto anonimo“, specificando che si tratta di una domanda per la rubrica

Per ricevere grauitamente accesso all’ebook “Il Vero e il Falso su miti e credenze della sessualità: L’erezione” , iscrivetevi alla Newsletter qui sotto .



Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata. Compilare i seguenti campi obbligatori: *