252018ott
Gli uomini capiscono quando le donne hanno un orgasmo?

Gli uomini capiscono quando le donne hanno un orgasmo?

Ma gli uomini capiscono quando le donne hanno un orgasmo? Secondo uno studio recente pubblicato dal Journal of Sexual Medicine, molti uomini eterosessuali non ci riescono. La ricerca è stata svolta a livello nazionale (USA) e conta un campione di oltre 1600 coppie eterosessuali sposate recentemente. I ricercatori hanno comparato quanto spesso le persone dicevano di aver avuto un orgasmo con le volte in cui il partner pensava che lo avessero raggiunto.

Risultati dello studio

I ricercatori hanno riscontrato che solamente il 14% delle donne non riusciva a capire quando il compagno avesse l’orgasmo (il 6% ne contava meno, l’8% di più); al contrario, ben il 42% degli uomini contava male la frequenza di orgasmi della moglie (17% in difetto, 25% in eccesso); comunque molti uomini capiscono quando le donne hanno un orgasmo (58%). La differenza tra uomini e donne può essere spiegata in molteplici modi:

  • La prima, oltre che la più ovvia, riguarda il fatto che l’orgasmo maschile è solitamente accompagnato da eiaculazione, che lo rende più difficile da non notare. Le donne, anche se rilasciano un fluido in seguito ad un orgasmo, non producono fluidi contemporaneamente all’orgasmo, in modo abbastanza frequente, da potersi considerare un indicatore efficace; gli uomini eterosessuali potrebbero dunque basare la loro valutazione circa l’orgasmo su altri fattori (suoni, espressioni facciali, altro) e fare delle supposizioni a partire da questi.
  • Dobbiamo inoltre considerare che gli uomini prendono le loro idee sull’orgasmo femminile dalla pornografia. Quando le donne raggiungono l’orgasmo nel porno, tendono ad essere molto vocali e mostrano segnali intensi di piacere, quindi forse alcuni ragazzi usano questi stessi criteri per inferire l’orgasmo delle loro partner: ciò potrebbe aiutare a spiegare perché un ragazzo su cinque ha sottovalutato gli orgasmi della compagna.
  • Il fatto che le donne siano in grado di fingere orgasmi potrebbe essere un altro fattore che contribuisce alla differenza riportata dallo studio. Ciò potrebbe avvenire per una vasta gamma di motivi, dal non voler ferire i sentimenti del partner, al mostrare apprezzamento per i suoi sforzi, o per il semplice desiderio che il sesso finisca: fingendo anche una sola volta con il coniuge, potrebbero sentire la pressione per continuare a simulare; questo aumenta il problema di errata percezione, portando i mariti a credere che i loro orgasmi siano più frequenti di quanto non siano in realtà.
  • È anche possibile che la percezione di un numero maggiore gli orgasmi della partner sia, per molti ragazzi, una strategia di difesa dell’ego. In altre parole, forse vogliono sentirsi mascolini o sessualmente competenti, quindi presumono che la partner stia raggiungendo l’orgasmo senza realmente controllare, temendo di scoprire che potrebbero non essere bravi come pensano nel sesso.

Per concludere

Indipendentemente dalle ragioni dietro le errate percezioni orgasmiche degli uomini, i dati mostrano che quelli che sono più attenti agli orgasmi dei loro partner sono più soddisfatti della loro vita sessuale. Questo ci dice che se vogliamo davvero diminuire il gap della percezione dell’orgasmo una volta per tutte, una cosa su cui dobbiamo lavorare è migliorare le capacità di comunicazione sessuale. Le persone hanno bisogno di sentirsi in grado di dirsi l’un l’altro cosa vogliono quando si tratta di sesso, ma anche di chiedere ai loro partner ciò che vogliono veramente.


A cura di Centro Il Ponte (Trad. ita. Dott. Massimo Ducci)
https://tonic.vice.com/en_us/article/pawmbg/married-women-orgasm-less-often-than-their-husbands-think-they-do


Per ricevere grauitamente accesso all’ebook “Il Vero e il Falso su miti e credenze della sessualità: L’erezione” , iscrivetevi alla Newsletter qui sotto.

Privacy:
Il consenso è liberamente espresso ai sensi dell’art 23 del DL 196/03 e dell’Art. 7 del Reg UE 679/16

Per inviare la vostra domanda ai professionisti del Centro Il Ponte che curano la rubrica Botta&Risposta scrivere a info@centroilponte.com oppure richiedere un “consulto anonimo“, specificando che si tratta di una domanda per la rubrica.






Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata. Compilare i seguenti campi obbligatori: *