142020mag
Cosa è il periodo refrattario e quanto dura?

Cosa è il periodo refrattario e quanto dura?

Ciao sono Ginfranco, un mio amico mi ha detto che dopo essere venuto riesce ad avere altri orgasmi, ma a me non è mai successo e non so se credergli. E’ possibile per un uomo provare più orgasmi consecutivi?

Salve Gianfranco,
La possibilità per un uomo di provare più orgasmi consecutivi dipende dal periodo refrattario, definito come quella fase successiva all’orgasmo durante la quale è impossibile provocare un altro orgasmo o eiaculazione. Il periodo refrattario varia, in durata, da pochi minuti a diverse ore e cresce col ripetersi delle eiaculazioni ravvicinate e con l’avanzare dell’età nel maschio.
Nonostante l’impossibilità, contenuta nella definizione stessa del periodo refrattario, di provare un altro orgasmo immediatamente dopo averne esperito uno, alcuni uomini riportano la possibilità di avere orgasmi multipli e vi sono alcuni dati a sostegno di questa ipotesi; tuttavia ci sono poche ricerche su questo argomento, per cui non possiamo dire quanto sia comune questa esperienza.

Come accennato prima, numerosi sono gli aneddoti rivelati da uomini che descrivono la loro vita sessuale e che portano a credere che probabilmente ci sia molta più diversità nel ciclo della risposta sessuale maschile di quanto si pensasse in precedenza. A titolo esemplificativo, riportiamo alcune storie:

  • Un uomo racconta che è molto facile per lui raggiungere l’orgasmo e continuare a raggiungerne uno dietro l’altro, con pochissimo tempo di differenza tra l’uno e l’altro; quando ha un orgasmo, vuole solo continuare ad andare avanti e l’unica cosa difficile per lui è trovare un partner in grado di tenere il passo
  • Un altro racconta che raggiungere l’orgasmo attualmente è un po’ difficile; impiega molto tempo per arrivarci, ma una volta raggiunto può rimanere eccitato e raggiungere l’orgasmo più e più volte senza problemi
  • Molti uomini raccontano che di solito hanno solo un orgasmo, ma se posti in condizioni altamente eccitanti (come avere un partner nuovo ed estremamente attraente o fare sesso in gruppo), non manifestano alcun periodo refrattario: in queste situazioni possono rimanere eccitati ed avere orgasmi multipli in un breve periodo di tempo
  • Infine, alcuni uomini raccontano che possono avere orgasmi multipli quasi sempre, ma decidono sul momento quanti ne vogliono avere in base a fattori situazionali o di altro tipo, come quanto tempo hanno a disposizione, quanto sono stanchi, cosa vuole il partner, ecc..

Naturalmente questi sono solo aneddoti, ma ci sono anche dati e ricerche a sostegno di queste osservazioni. Ad esempio, gli scienziati hanno documentato alcuni resoconti di uomini con orgasmi multipli ed hanno registrato anche un caso di un uomo che, all’interno di un laboratorio di ricerca, si è masturbato fino all’orgasmo sei volte in 36 minuti.

Tuttavia, dato che ci sono così poche ricerche su questo argomento, non possiamo davvero dire quanto siano comuni queste esperienze. In generale, non sappiamo quale sia la percentuale di uomini che ha periodi refrattari inesistenti o molto brevi e, inoltre, non sappiamo quale sia la percentuale che ne ha di lunghi (cioè uomini con periodi refrattari di giorni anziché di secondi o minuti).

Ma da cosa è data tutta questa variabilità?
È probabilmente correlata alle sostanze chimiche del cervello che vengono rilasciate durante l’orgasmo. Sebbene la neurobiologia del periodo refrattario rimanga poco compresa, i ricercatori hanno indicato i possibili ruoli dei neurotrasmettitori dopamina e serotonina, così come gli ormoni prolattina e ossitocina: è possibile che alcuni uomini rilascino più o meno queste sostanze chimiche nel cervello o che i loro corpi siano naturalmente più o meno sensibili alle stesse. In altre parole, forse il cervello di alcuni uomini è semplicemente “cablato” per avere periodi refrattari più brevi o più lunghi.

Detto questo, una cosa sul periodo refrattario è chiara: le attuali conoscenze sono ancora insufficienti per poter dare una risposta esaustiva e la diversità del ciclo di risposta sessuale maschile è degna di ulteriore studio e approfondimento.


A cura di Centro Integrato di Sessuologia “Il Ponte” (trad. e riadattato da Dott.ssa Viola Malinconi
https://www.lehmiller.com/blog/2019/10/16/what-you-think-you-know-about-the-male-refractory-period-is-probably-wrong?rq=refractory%20period)

Levin, R. J. (2009). Revisiting post-ejaculation refractory time—what we know and what we do not know in males and in females. The Journal of Sexual Medicine, 6(9), 2376-2389.
Whipple, B., Myers, B. R., & Komisaruk, B. R. (1998). Male multiple ejaculatory orgasms: A case study. Journal of Sex Education and Therapy, 23(2), 157-162.
Mondaini, N., Ponchietti, R., Muir, G. H., Montorsi, F., Di Loro, F., Lombardi, G., & Rizzo, M. (2003). Sildenafil does not improve sexual function in men without erectile dysfunction but does reduce the postorgasmic refractory time. International Journal of Impotence Research, 15(3), 225.

Per ricevere grauitamente accesso all’ebook “Il Vero e il Falso su miti e credenze della sessualità: L’erezione” , iscrivetevi alla Newsletter qui sotto .

Privacy:
Il consenso è liberamente espresso ai sensi dell’art 23 del DL 196/03 e dell’Art. 7 del Reg UE 679/16

Per inviare la vostra domanda ai professionisti del Centro Il Ponte che curano la rubrica Botta&Risposta scrivere a info@centroilponte.com oppure richiedere un “consulto anonimo“, specificando che si tratta di una domanda per la rubrica.



Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata. Compilare i seguenti campi obbligatori: *