132015dic
Eiaculazione e orgasmo multiplo maschile, quanta confusione!

Eiaculazione e orgasmo multiplo maschile, quanta confusione!

Salve, ho notato che il mio compagno dopo il primo orgasmo e senza bisogno di pause, diciamo così, sembrava che provasse piacere una seconda volta senza però eiaculare (una specie di orgasmo multiplo?!); dato che ci frequentiamo da poco non ho avuto il coraggio di fare nessuna domanda indagatoria, quindi ho cercato notizie in internet ma non ho le idee ben chiare e vorrei una spiegazione generale ma soprattutto le domando – l’orgasmo maschile pùò essere senza eiaculazione? E in caso è una caratteristica specifica/innata di alcuni uomini o ci possono essere delle tecniche per far sì che questo succeda? La ringrazio in anticipo per una sua cortese risposta. Silia

Buonasera gentile Silia,

facciamo un po’ di chiarezza per gradi:

Orgasmo vs eiaculazione: orgasmo ed eiaculazione sono due fenomeni diversi che solitamente avvengono in contemporanea. Ciò non succede sempre però, vi sono infatti casi rari di eiaculazione disgiunta (che avviene alcune ore dopo il rapporto), altri casi di origine patologica in cui ad esempio l’eiaculazione avviene in vescica anziché all’esterno, altri ancora fisiologici come nel caso in cui sperimentando più orgasmi in sequenza il liquido espulso diminuisce fino ad azzerarsi.

Periodo refrattario: ovvero il tempo “di recupero” necessario per ogni uomo tra l’eiaculazione/orgasmo e la successiva erezione. Questo tempo può variare da persona a persona (da 0 a 24 ore), e di solito aumenta con l’età. Una piccola percentuale di persone in effetti non necessita di alcun tempo, in altri casi con l’utilizzo di farmaci (quali Viagra o simili) il pene può rimanere in erezione anche dopo l’eiaculazione.

Uomini multiorgasmici: vi sono alcune ricerche che hanno indagato il fenomeno dell’orgasmo multiplo maschile. Questi studi hanno individuato un campione di uomini in grado di sperimentare l’orgasmo senza eiaculazione, eliminando così anche il periodo refrattario. Alcuni di loro avevano questa capacità “innata”, altri l’hanno raggiunta con l’avanzare dell’età, altri ancora l’hanno appresa ed esercitata con libri e video su questa tecnica. Le conclusioni di questo studio hanno messo in luce come per alcuni fosse un’esperienza molto piacevole, mentre per altri non lo fosse particolarmente.

Quindi, riguardo alla sua mail parrebbe che il suo ragazzo sperimenti un periodo refrattario breve o nullo, e che il secondo orgasmo avvenga in assenza di eiaculazione oppure molto ridotta vista la vicinanza con la precedente. Mentre le risposte alle sue domande sono entrambe affermative seppur con alcuni distinguo.

Spero di esserle stato di aiuto, saluti.

Dott. Daniel Giunti

Per ricevere grauitamente accesso all’ebook “Il Vero e il Falso su miti e credenze della sessualità: L’erezione” , iscrivetevi alla Newsletter qui sotto .

Per inviare la vostra domanda ai professionisti del Centro Il Ponte che curano la rubrica Botta&Risposta scrivere a info@centroilponte.com oppure richiedere un “consulto anonimo“, specificando che si tratta di una domanda per la rubrica




Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata. Compilare i seguenti campi obbligatori: *