212015ott
Fare l’amore con il marito e fantasticare su altro… che significa?

Fare l’amore con il marito e fantasticare su altro… che significa?

Buongiorno, mi chiamo Elena, ho 45 anni, e sono sposata da dodici anni. Con mio marito stiamo bene insieme, facciamo molte cose, condividiamo interessi, passioni; beh come in tutte le coppie qualche volta discutiamo, anche animatamente, ma non reputo questo un problema, nel senso che non sono discussioni che ci fanno entrare in crisi come coppia,semplicemente le facciamo e come iniziano poi finiscono.
E allora dov’è il problema?? Beh il problema  comincia quando cominciano i rapporti sessuali.
Mi sento infatti tremendamente in colpa, mentre facciamo l’amore mi viene da pensare a delle cose, situazioni che mi eccitano in cui non sempre c’è mio marito, anzi… magari mi vengono in mente scene di film, altri uomini, visti, conosciuti realmente o immaginati, situazioni non vissute, anche più estreme rispetto a come sono io. E ciò che più mi eccita è immedesimarmi nel piacere che ricevono le donne delle mie fantasie…
Come è possibile tutto questo? Forse vuol dire che sono in crisi con mio marito e non me ne ero accorta?

Salve E, nel risponderle volevo innanzitutto farle presente che ciò che le sta capitando non è così strano come pensa.
La fantasia è un ingrediente molto importante nella vita, e quindi anche della sessualità. Molto spesso le persone si preoccupano di quanto sia realistica la fantasia, e questa preoccupazione è molto più sentita quando si ha a che fare
con la sessualità. Ma imprigionare la fantasia entro delle regole equivarrebbe a de-naturalizzarla e a privarla della sua funzione.
Partendo dal presupposto che l’organo sessuale più potente che abbiamo è il cervello, non usarlo durante i rapporti sessuali, sarebbe un po’ come privarsi di un’utilissima fonte di piacere!
Ma veniamo al contenuto delle sue fantasie, dato che molto probabilmente è stato questo che l’ha messa un po’ in allarme.
Fantasticare su persone anche diverse dal proprio partner non è  ne’ strano  ne’ raro.  È stato osservato come più la coppia sta insieme da tempo più è  frequente che nelle fantasie sessuali siano presenti elementi o persone estranee alla coppia e ciò non è assolutamente  correlato a una cattiva relazione all’interno della coppia, ovvero la coppia sta bene insieme!
Se ci pensa bene, ciò non è così strano: nella fase iniziale di una coppia la dimensione  fantastica predomina, con il passare del tempo, la realtà deve predominare se si vuole che la coppia si strutturi, per cui ricorrere a delle fantasie a questo punto è un po come dare spazio ad un po di magia..lasciando temporaneamente da parte la realtà.
Ecco quindi che nel caso in cui la coppia funziona bene e non ha problemi da un  punto di vista relazionale, ha poco senso preoccuparsi di quanto reale sia la fantasia. Nel caso contrario, magari ci sarebbe invece da indagare la situazione in maniera più approfondita.
Detto questo, ciò che potrebbe invece essere utile,  sarebbe ad esempio capire se la fantasia esprime dei bisogni, desideri che ci piacerebbe realizzare, o se invece magari semplicemente riporta dei ricordi, esperienze vissute, scene viste, che ci hanno colpito e che quindi appartengono alla nostra memoria e che la nostra memoria ci restituisce nel momento in cui viviamo esperienze simili.
Ovviamente il fantasticare, e nello specifico, il poter fantasticare anche su “altri” è perfettamente “normale” anche in coppie che stanno insieme anche da molto meno tempo!
Altra cosa molto importante: la fantasia è una cosa molto intima, per cui il condividerla o meno con il partner è una scelta che non può e non deve seguire una regola, ogni persona ed ogni coppia deve sentirsi libera di scegliere come viversi questa dimensione.

Saluti

Dott.ssa Michela Vancheri




Per ricevere grauitamente accesso all’ebook “Il Vero e il Falso su miti e credenze della sessualità: L’erezione” , iscrivetevi alla Newsletter qui sotto .

Privacy:
Il consenso è liberamente espresso ai sensi dell’art 23 del DL 196/03 e dell’Art. 7 del Reg UE 679/16

Per inviare la vostra domanda ai professionisti del Centro Il Ponte che curano la rubrica Botta&Risposta scrivere a info@centroilponte.com oppure richiedere un “consulto anonimo“, specificando che si tratta di una domanda per la rubrica.



Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata. Compilare i seguenti campi obbligatori: *