12019ago
“Micro-cheating”. Quando si tradisce ma solo un po’

“Micro-cheating”. Quando si tradisce ma solo un po’

L’avvento di Internet e delle nuove tecnologie permettono di avere a disposizione una vasta gamma di spazi virtuali (social network, chat, siti di incontri, app) all’interno dei quali conoscere nuove persone o rifugiarsi per parlare liberamente di passioni, desideri o di sesso,  aumentando la possibilità di mettere in atto una nuova forma di adulterio: il “micro-cheating”.

Questo termine viene tradotto come micro-inganno: “quando si tradisce, ma solo un po’”.

Martin Graff, professore di Psicologia all’Università del Galles del Sud, la definisce come un qualsiasi atto o comportamento di qualcuno in un rapporto che suggerisce la presenza di un’altra persona emotivamente e fisicamente coinvolta.

Prima degli smartphone il micro-cheating poteva essere paragonato all’abitudine di togliere la fede quando si usciva di casa, oggi invece esempi di micro-inganni potrebbero essere: controllare frequentemente il profilo di una persona o i suoi post sui social media; scambiare messaggi con altre persone mantenendo volontariamente il partner all’oscuro; omettere/mentire sul proprio stato sentimentale durante una conversazione in chat; tenere attivo un profilo sui siti di incontri; scambiare messaggi maliziosi con una o più persone diverse dal/dalla proprio/a partner; mettere “mi piace” sui social a vecchi post o vecchie foto di un ex; scambiare foto piccanti con qualcuno che non sia il/la partner.

Questo perchè con l’avvento dell’era digitale è molto più facile mandare segnali a qualcuno per fargli capire di essere disponibile. Sebbene il micro-cheating non porta sempre al tradimento è un comportamento che può portare all’infedeltà.

Insomma, il tradimento c’è ma non si vede, si consuma solo entro i confini della chat. Le due persone che dicono di piacersi con molte probabilità non si incontreranno mai, non daranno mai un profumo alla pelle dell’altro/a e non permetteranno mai ai loro corpi di accarezzarsi. Per loro il rapporto intimo migliore è senza sesso, privo dell’ansia dell’incontro, senza l’imbarazzo degli sguardi, racchiuso in uno spazio immenso come quello del web in cui sentirsi «liberi» e invulnerabili.

Stando ai dati diffusi dall’Associazione Avvocati Matrimonialisti Italiani (AMI) nel 2018 solo 3 coppie su 10 sarebbero fedeli. Insomma, siamo un popolo di fedifraghi e nessun rapporto, neanche il più consolidato, sembrerebbe essere immune dall’infedeltà.



A cura di Centro Integrato di Sessuologia IL PONTE (trad. Dott.ssa Angela Salvato)

  

Attili, G. (2017). Il cervello in amore. Le donne e gli uomini ai tempi delle neuroscienze. Il Mulino, Bologna.

Hertlein, K.M., & Piercy, F.P. (2006). Internet infidelity: A critical review of the literature. The Family Journal, 14(4), 366-371.

Pham, M.N., Shackelford, T.K., Sela, Y. (2013). Women’s oral sex behaviors and risk of partner infidelity. Personality and Individual Differences, 54, 792-795.

Yeniceri, Z., & Kokdemir, D. (2006). University students perceptions of, and explanations for, infidelity: The development of the Infidelity Questionnaire (INFQ). Social Behavior and Personality, 34, 639-650.



Per ricevere grauitamente accesso all’ebook “Il Vero e il Falso su miti e credenze della sessualità: L’erezione” , iscrivetevi alla Newsletter qui sotto .

Privacy:
Il consenso è liberamente espresso ai sensi dell’art 23 del DL 196/03 e dell’Art. 7 del Reg UE 679/16

Per inviare la vostra domanda ai professionisti del Centro Il Ponte che curano la rubrica Botta&Risposta scrivere a info@centroilponte.com oppure richiedere un “consulto anonimo“, specificando che si tratta di una domanda per la rubrica.



Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata. Compilare i seguenti campi obbligatori: *