42019ott
Omosessualità e disturbi alimentari

Omosessualità e disturbi alimentari

Nei paesi occidentali è stato riscontrato che gli uomini omosessuali sono più vulnerabili ai disturbi alimentari rispetto agli uomini eterosessuali.
La teoria più diffusa relativamente alle possibili cause, è che l’insoddisfazione del corpo sia la variabile critica che determina l’insorgenza di tali disturbi. (Boroughs &Thompson,2002). L’ insoddisfazione corporea nei maschi omosessuali è leggermente diversa dall’insoddisfazione corporea nelle femmine; in quanto coinvolge peso e muscolosità.

Laddove l’estremità femminile della bellezza è sottile, l’ideale omosessuale non è solo essere magri, ma anche muscolosi (Yelland & Tiggemann, 2003). Si ritiene che l’insoddisfazione per il proprio corpo derivi principalmente dalla pressione esercitata dalle aspettative socio-culturali (Stice, Maxfield, &Wells,2003; Stice & Shaw, 2002).

L’aumento della pressione percepita nella comunità gay per raggiungere la figura maschile ideale, aumenterebbe le preoccupazioni corporee e l’insoddisfazione corporea negli uomini omosessuali. Alcuni autori affermano che non è principalmente l’orientamento sessuale, ma la femminilità, ad essere associata a livelli più alti circa il rischio di sviluppo di disturbi alimentari, mentre la mascolinità è stata associata a livelli più bassi; quindi essendo la femminilità un fattore di rischio, la mascolinità sembra essere un fattore protettivo riguardo il rischio di sviluppare disordini alimentari.

Si suppone che la femminilità sia un rischio per l’insorgenza di disordini mentali a causa della forte pressione esercitata dalla società occidentale, per l’importanza data all’apparenza. Sebbene i maschi omosessuali ottengano punteggi più bassi nelle misure di mascolinità rispetto alle eterosessuali e misure più elevate rispetto alla femminilità, (Meyeret al.,2001; Strongetal.,2000), l’orientamento sessuale non necessariamente coincide con la mascolinità / femminilità: alcuni uomini omosessuali sono relativamente maschili e relativamente femminili. Russel and Keel (2002) ad esempio, non hanno riscontrato femminilità come tratto distintivo degli omosessuali.

La bassa autostima è stata correlata alla possibile insorgenza di disturbi alimentari. Williamson (Williamson, 1999; Williamson& Hartley, 1998) sostiene che ‘’l’omonegatività” interiorizzata – definita come ostilità e pregiudizio nei confronti dei maschi omosessuali – influisce sull’autostima degli omosessuali e che è la loro bassa autostima che è fondamentale per sviluppare possibili disturbi. La ridotta autostima e la maggiore insoddisfazione del corpo sono i sintomi più importanti del disturbo alimentare.

I risultati della ricerca mostrano che i sintomi del disturbo alimentare sono fortemente correlati all’insoddisfazione del corpo e, contrariamente a una parte dell’ipotesi, non sono significativamente correlati al livello di autostima.

L’insoddisfazione corporea si è rivelata fortemente associata all’IMC, alla pressione dei pari, in particolare tra gli omosessuali.

Questo studio ha fornito maggiori informazioni sui possibili precursori dei disturbi alimentari evidenziando il ruolo centrale dell’insoddisfazione del corpo. Inoltre, i risultati possono essere un input per ulteriori studi al fine di comprendere meglio l’incidenza dei maschi omosessuali tra i maschi con disturbi alimentari.

A cura di Centro Integrato di Sessuologia IL PONTE (trad. Dott.ssa Cristiana Sardellitti)

Bibliografia 
 
 

 Andersen, A.E. (1999). Eating disorders in gay males.Psychiatric Annals, 29,206–212. Bem,S.L.(1974).The measurement of psychological androgyny. Journal of Consulting and Clinical Psychology, 42,155–162.

Boroughs,M.,&Thompson,  J.K.(2002).Exercise status and sexual  orientationas moderators of body image disturbance and eating in males. International Journal of Eating Disorders, 31,307–311.

 Brand, P.A., Rothblum, E.D., & Solomon, L.J. (1992). A comparison of lesbians, gay men, and heterosexuals on weight and restrained eating. International Journal of Eating Disorders, 11,253–259. Cervera, S., Lahortiga, F., Martínez–González, M.A., Gual, P., de Irala–Estévez, J., & Alonso,Y.(2003).Neuroticism and low self-esteem as risk  factors for incident eating disorders in a prospective cohorts tudy. International Journal of Eating Disorders, 33, 271–280. 

Chung,Y.B.(1996).The construct validity of the Bem Sex–Role Inventory for het erosexual and gay men. Journal of Homosexuality, 30, 87–97. 

Cooper, P.J.,Taylor,M.J.,Cooper,Z.,&Fairburn,C.G(1987).The develop ment and validation of the Body Shape Questionnaire(BSQ). International Journal of Eating Disorders, 6, 485–494. 

Evans, C.,&Dolan,B.(1993). Body Shape Questionnaire: Derivation of shortened “alternative forms.”International Journal of Eating Disorders, 13,315–321. 

Fairburn, C.G., & Beglin, S.J. (1994). The assessment of eating disorders: Interview or self–report questionnaire? International Journal of Eating Disorders, 16, 363–370. 

Gual,P.,Pérez–Gaspar,M.,Martínez–González,M.A.,Lahortiga,F.,deIrala–Estévez,J.,& Cervera–Enguix,S.(2002). Self–esteem,personality,and eating disorders:Baseline assessment of a prospective population–based cohort. International Journal of Eating Disorders, 31, 261–273. 

Harvey, J.A., & Robinson, J.D. (2003). Eating disorders in men: Current considerations. Journal of Clinical Psychology in Medical Settings, 10,297–306. 

Kalarchian, M.A.,Wilson,G.T.,Brolin,R.E.,&Bradley,  (2000). Assessment of eating disorders in bariatric surgery candidates: Self–report questionnaire versus interview. International Journal of Eating Disorders, 28, 465–469.

 Lakkis, J., Ricciardelli, L.A., & Williams,R.J. (1999). Role of sexual orientation and gender–related traits in disordered eating. Sex Roles, 41, 1–16. 

Meyer, C., Blissett, J., & Oldfield, C. (2001). Sexual orientation and eating psychopathology: The role of masculinity and femininity. International Journal of Eating Disorders, 29,314–318. 

Moore, F.,&Keel,P.K.(2002) .Influence of sexual orientation and age on disorder edeating attitudes and behaviors in women. International Journal of Eating Disorders, 34, 370–374. 

Murnen, S.K., & Smolak, L. (1997). Femininity, masculinity, and disordered eating: A meta–analytic review. International Journal of Eating Disorders, 22,231–242. 

Rosenberg,M.(1965).  Societyand the adolescent self–image. Princeton,NJ:PrincetonUniversity Press. Russell,C.J.,&Keel,P.K.(2002).Homosexuality as aspecific risk factor for eating disorders in men. International Journal of Eating Disorders, 31,300–306. 

Stice, E. (2002). Risk and maintenance factors for eating pathology: A meta–analytic review. Psychological Bulletin, 128, 825–848.

 Per ricevere grauitamente accesso all’ebook “Il Vero e il Falso su miti e credenze della sessualità: L’erezione” , iscrivetevi alla Newsletter qui sotto .

Privacy:
Il consenso è liberamente espresso ai sensi dell’art 23 del DL 196/03 e dell’Art. 7 del Reg UE 679/16

Per inviare la vostra domanda ai professionisti del Centro Il Ponte che curano la rubrica Botta&Risposta scrivere a info@centroilponte.com oppure richiedere un “consulto anonimo“, specificando che si tratta di una domanda per la rubrica.






Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata. Compilare i seguenti campi obbligatori: *