212021mag
Perché è così difficile denunciare un’aggressione sessuale?

Perché è così difficile denunciare un’aggressione sessuale?

Perché è così difficile denunciare un’aggressione sessuale?

La ricerca esamina gli ostacoli culturali e personali alla denuncia di violenza sessuale.

Aprile è stato il mese della sensibilizzazione sulle aggressioni sessuali, che attira l’attenzione sulla realtà che la violenza sessuale è diffusa ma spesso nascosta. Tra il 70% e il 90% delle aggressioni non vengono mai denunciate alla polizia, rendendo l’aggressione sessuale uno dei crimini più sottostimati. Perchè succede questo? I recenti tweet sui social media forniscono alcune risposte.

Nell’ultimo decennio, la consapevolezza delle aggressioni sessuali è aumentata man mano che le discussioni sul genere, potere e molestie sono diventate più comuni. Ad esempio, molti si sono fatti avanti per condividere storie di aggressioni e molestie da noti personaggi politici e celebrità come Harvey Weinstein, Bill Cosby, Matt Lauer, Kevin Spacey, Shia LaBeouf e Bill O’Reilly, solo per citarne alcuni. Man mano che le persone hanno condiviso le loro storie, l’indignazione contro questi abusi è cresciuta.

Questa ondata di protesta è stata alimentata dai social media, in quello che è stato chiamato “attivismo hashtag”, dove i media digitali sono utilizzati per il cambiamento sociale. I social media hanno amplificato le voci dei sopravvissuti, creato spazio per il coinvolgimento in tempo reale dei mali della società e fornito strumenti per sviluppare campagne online. Ad esempio, gli hashtag hanno incluso: #MeToo, #HowIWillChange, #TimesUp e #ItsOnUs. Queste iniziative hanno permesso a molti che non si trovano nelle tradizionali posizioni di potere di cercare giustizia, cambiare e portare alla luce storie di aggressioni e i fattori che ne rendono difficile l’individuazione.

Un’impennata nella discussione sulle aggressioni sessuali è avvenuta in risposta a uno scontro politico negli Stati Uniti quando nel 2018 il giudice Brett Kavanaugh è stato nominato alla Corte Suprema degli Stati Uniti dal presidente Donald Trump. Durante la sua udienza di conferma a settembre, le accuse di violenza sessuale fatte contro Kavanaugh dalla dottoressa Christine Blasey Ford sono state segnalate e indagate prima della continuazione dell’udienza di conferma. Il presidente Trump è venuto in sua difesa in un tweet, affermando: “Non ho dubbi che, se l’attacco alla dottoressa Ford fosse stato così grave come dice lei, le accuse sarebbero state immediatamente presentate alle autorità di polizia locali da lei o dai suoi genitori. “ La sua affermazione che la credibilità del suo rapporto fosse legata alla sua tempestività ha suscitato proteste e su Twitter l’hashtag #WhyIDidntReport è diventato virale, poiché i sopravvissuti hanno condiviso le loro storie di ostacoli alla segnalazione.

Sono stati trovati più livelli di ostacoli che rendono la segnalazione non solo difficile, ma a volte anche ritraumatizzante. Questi ostacoli includono negazione, incredulità e confusione a tutti i livelli della società. Ad esempio, esistono norme culturali sul genere e sul potere che intimidiscono i sopravvissuti. Alcuni hanno twittato: “Mi è stato detto che ‘i maschi sono fatti così”. E, “Poiché è successo così spesso a così tante ragazze, donne che conosco, me compresa, ho pensato che fosse un comportamento normale e che dovevamo semplicemente accettarlo.” Un altro ha detto: “Pensavo che ammettere di essere stato violentato mi avrebbe reso meno uomo”.

Altri si sono imbattuti in ostacoli comunitarie, anche sul posto di lavoro: “Mi è stato detto dalle risorse umane che avrei perso il lavoro se avessi denunciato le ripetute aggressioni sessuali… del mio collega”. A scuola: “L’ho detto a un insegnante… Ha detto: ‘Stai cercando di attirare l’attenzione’”. Altri sono stati licenziati in strutture sanitarie: “Ho denunciato il mio abuso sessuale, all’età di 8 anni, a un medico e mi è stato detto ‘non parliamo di queste cose’”.

Alcuni avevano paura di danneggiare i rapporti familiari, o sono stati criticati dai membri della famiglia: “Non ho detto nulla perché era un parente… Avevo paura di sconvolgere la famiglia… Quando mia madre lo ha saputo leggendo il mio diario, mi ha incolpato”.Molti erano confusi, scioccati o comunque sopraffatti, il che ha ostacolato la loro capacità di segnalare ciò che avevano subito. Il tweet di un sopravvissuto è rappresentativo: “Mi sentivo come se fosse colpa mia, e mi vergognavo e non volevo che nessuno sapesse cosa mi fosse successo. Mi sentivo sporco, usato, piccolo e solo. ”

Questi brevi resoconti forniscono informazioni su come le norme culturali, le istituzioni comunitarie e le emozioni dolorose rendono difficile la segnalazione. È importante onorare queste voci e prenderle sul serio per comprendere e rimuovere gli ostacoli, ritenere i responsabili responsabili e aiutare i sopravvissuti a trovare la guarigione.

Fonte: https://www.psychologytoday.com/us/blog/love-lies-and-conflict/202104/why-is-it-so-hard-report-sexual-assault
Centro Integrato di Sessuologia Il Ponte (a cura di dott.ssa Chiara Esposito)


Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata. Compilare i seguenti campi obbligatori: *