302021giu
Pornodemia? l’uso del porno durante la pandemia

Pornodemia? l’uso del porno durante la pandemia

All’inizio della pandemia di COVID-19, molto è stato detto e scritto sul sesso e sulla masturbazione dai media. L’implicazione di molte storie era che le persone sarebbero state davvero annoiate e eccitate. Di conseguenza, cos’altro avrebbero fatto le persone se non fare sesso e masturbarsi costantemente? Alcuni articoli indicavano un picco di visualizzazioni sui siti porno come supporto per la loro affermazione, suggerendo che ci sarebbe stato un boom del porno pandemico prolungato. Ciò ha anche portato alcuni a esprimere la preoccupazione che l’uso problematico del porno sarebbe aumentato e che più persone sarebbero diventate “dipendenti” dai contenuti per adulti.

Allora cosa è successo realmente? Un nuovo studio suggerisce che tutti i discorsi su una “porndemia” erano enormemente esagerati.

Uno studio longitudinale rappresentativo a livello nazionale di 2.518 adulti americani è stato condotto tra agosto 2019 e ottobre 2020. Questo studio ovviamente è iniziato prima della pandemia, quindi guardare in che modo la pandemia ha influenzato l’uso del porno non era lo scopo iniziale della ricerca; tuttavia, i dati sono stati in grado di parlare.

Ci sono state un totale di 5 ondate di raccolta dati: agosto 2019, febbraio 2020, maggio 2020, agosto 2020 e ottobre 2020. In ogni momento, ai partecipanti è stato chiesto di segnalare la frequenza con cui avevano visto il porno da soli (non con un partner) dall’ultimo periodo di raccolta dei dati.

Ai fini di questo studio, la pornografia è stata definita come “qualsiasi film, videoclip o immagine sessualmente espliciti che mostrano l’area genitale, che intende eccitare sessualmente lo spettatore; questo può essere visto su Internet, in una rivista, in un libro o in televisione”.

È stato anche chiesto loro dell’uso problematico del porno percepito (ad esempio, sentirsi “dipendenti” dal porno e come se non si potesse smettere di guardarlo), disagio psicologico e se avessero percepito eventuali cambiamenti nell’uso del porno durante la pandemia. La frequenza dell’uso del porno ha oscillato nel corso dello studio; tuttavia, nel maggio del 2020, che è stato subito dopo il picco dei blocchi e delle restrizioni legati alla pandemia, più persone hanno riferito di aver usato il porno nell’ultimo mese rispetto a qualsiasi altra ondata di raccolta dati di follow-up.

Tuttavia, solo una minoranza di partecipanti (14%) nel maggio 2020 ha riferito che il loro uso del porno era aumentato dall’inizio della pandemia; al contrario, il 20% ha riportato una diminuzione, mentre il 66% non ha riportato variazioni.

Detto questo, tra coloro che hanno segnalato un aumento, il loro utilizzo è tornato a livelli simili a quello di altri utenti entro agosto 2020 ed è rimasto piuttosto stabile fino a ottobre. Pertanto, la tendenza generale era in realtà verso un minor uso del porno con il passare della pandemia.

Anche l’uso problematico della pornografia è diminuito nel tempo, ma solo per gli uomini. L’uso problematico da parte delle donne era basso all’inizio ed è rimasto basso.

Nel complesso, questi dati suggeriscono che c’è stato davvero un piccolo picco nell’uso del porno all’inizio della pandemia, ma solo per una minoranza di utenti. Inoltre, questo picco era temporaneo: coloro che hanno usato più porno all’inizio della pandemia non hanno continuato a usarne di più nel tempo.

Cosa dicono questi risultati? È possibile che il picco iniziale per alcuni utenti sia stato il risultato della noia o semplicemente di avere più tempo a disposizione. Potrebbe anche aver riflesso il fatto che gli appuntamenti e il sesso occasionale erano più limitati in quel momento, il che potrebbe aver portato più persone a perseguire la gratificazione sessuale in ambienti virtuali o online. Tuttavia, con il progredire della pandemia e l’allentamento delle restrizioni, le persone potrebbero essere tornate maggiormente ai loro precedenti modelli di comportamento. In qualunque modo la si guardi, questi risultati forniscono ulteriori prove del fatto che molte delle audaci previsioni sessuali fatte all’inizio della pandemia non hanno resistito quando sono state sottoposte a controllo scientifico.

https://www.lehmiller.com/blog/2021/5/26/porndemic-heres-what-really-happened-with-porn-use-during-the-pandemic 
Centro Integrato di Sessuologia Il Ponte (trad. art. a cura della dott.ssa Benedetta Romani)



Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata. Compilare i seguenti campi obbligatori: *