122015dic
Chi sono gli uomini attratti dalle “trans”?

Chi sono gli uomini attratti dalle “trans”?

Chi sono gli uomini attratti sessualmente dalle “trans”? Sono uomini eterosessuali, omosessuali, bisessuali o forse l’orientamento sessuale non ha niente a che fare con questa scelta? Cosa si intende con il termine transessualità e chi è una persona transessuale? Chi sono gli uomini attratti dalle donne transgender?

Spesso ci si interroga su questo argomento perché vi è ancora molta confusione in merito e perché di frequente il tema della transessualità è legato a contesti scandalistici dove lo scopo è il gossip. Spesso fare “rumore” prevale sul dire la verità.

Cosa si intende con il termine transessualità

La transessualità riguarda l’identità di genere, cioè la percezione di sentirsi maschi o femmine indipendentemente dal sesso biologico di appartenenza; indica una condizione per la quale una persona nata biologicamente maschio si sente di appartenere al sesso femminile e viceversa.

Una persona transessuale sente di essere in un corpo sbagliato, non c’è quindi corrispondenza tra sesso biologico (con cromosomi XX per le femmine e XY per i maschi) e quello al quale la persona si sente di appartenere. Il corpo diventa quindi una prigione dalla quale l’individuo cerca di uscire con un percorso di transizione molto lungo e complesso.

Il percorso di transizione è particolarmente difficile anche a causa del modo in cui la società considera le persone transessuali. Pensate al pesante stigma sociale nei loro confronti, un fenomeno che porta a discriminazioni e talvolta aggressioni.

Chi sono gli uomini attratti dalle donne transgender?

La confusione si amplifica quando cerchiamo di esplorare le esperienze sessuali che coinvolgono questa parte di popolazione. Stiamo parlando di persone che hanno un corpo maschile ma che sentendosi donne, iniziano un percorso (psicologico, fisico, medico e sociale) che le porterà a trasformarsi giungendo in alcuni casi alla sostituzione degli organi genitali maschili con quelli femminili.

Nonostante queste persone siano socialmente ai margini, perchè continuano ad essere sessualmente molto “gettonante”, soprattutto fra gli uomini?

Iniziamo col dire che gli uomini che hanno relazioni sessuali con donne transgender sono chiamati ginandromorfòfili. La scelta sessuale di questi uomini desta molta curiosità e vi sono numerose ipotesi rispetto ai motivi che guidano tale comportamento. Alcuni pensano che si tratti di omosessuali repressi che per il timore d’identificarsi e di essere identificati come omosessuali cercano una scappatoia tra le braccia delle trans. Altri sostengono che le donne transgender, a causa delle operazioni chirurgiche a cui si sottopongono per accentuare i connotati femminili, giungano ad avere caratteristiche iperfemminili o comunque appaiono più eccitanti delle donne “non transessuali”. Altri ancora sostengono che gli uomini possano avere meno timori e meno ansia da prestazione avendo rapporti sessuali con donne transgender.

Gli studi scientifici

La ricerca scientifica scarseggia rispetto a questo argomento e la maggior parte degli studiosi brancola ancora nel buio. Di recente, però, è stato fatto un piccolo passo in avanti con uno studio pubblicato su Psychological Medicine, “Who are gynandromorphophilic men? Characterizing men with sexual interest in transgender women”.

Lo studio ha evidenziato, dopo aver fatto osservare ai partecipanti (24 uomini ginandromorfofili (GAMP), 21 uomini eterosessuali e 21 uomini omosessuali) dei film: due neutri e sette erotici, che gli uomini ginandromorfofili non hanno un orientamento omosessuale perché mostrano aumento di eccitazione sia alla visione di donne transessuali che non.

Tuttavia, sono state rilevate alcune differenze tra i due gruppi di uomini (ginandromorfofili ed eterossessuali). Gli uomini ginandromorfofili sono maggiormente eccitati dalle immagini dei video con le donne transgender rispetto agli uomini eterosessuali ed hanno ottenuto punteggi più alti sulla scala che misura l’autoginefilia.

La categoria che viene eccitata maggiormente dagli uomini che trasformano il loro corpo maschile in un corpo femminile è più vicina a quella delle persone eterosessuali. Quali siano però le motivazioni dietro a tale scelta o quali fantasie e desideri sessuali entrino in gioco in tali comportamenti … Queste sono tutte domande a cui ancora non possiamo dare una risposta.


Vi lasciamo qui sotto un’interessante intervista del dott. Daniel Giunti sessuologo, psicoterapeuta, nella quale approfondisce la tematica del mondo trans.

https://www.youtube.com/watch?v=WbDppgJoemA&t=459s


Bibliografia

  1. J. Hsu, A. M. Rosenthal, D. I. Miller and J. M. Bailey (2015). Who are gynandromorphophilic men? Characterizing men with sexual interest in transgender women. Psychological Medicine.




Per inviare la vostra domanda ai professionisti del Centro Il Ponte che curano la rubrica Botta&Risposta scrivere a info@centroilponte.com oppure richiedere un “consulto anonimo“, specificando che si tratta di una domanda per la rubrica

Per rimanere aggiornati sulle rubriche SexNews, Botta&Risposta, Lex&TheCity, sui seminari e sulle varie iniziative del Centro, iscrivetevi alla Newsletter qui sotto .



Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata. Compilare i seguenti campi obbligatori: *